Progetto “Train …to be cool” - Campagna di sensibilizzazione della sicurezza in ambito ferroviario.

Il 24 ottobre 2018, presso la scuola secondaria di primo grado di Platania, diretta dal Prof. Avv. Francesco Vinci, si è concretizzato il progetto “Train….to be cool”, reso operativo degli Assistenti capo della Polizia ferroviaria di Lamezia Terme: Giovanni Villella e Gianfranco Fontananova, introdotti agli studenti e supportati dalla Prof.ssa Genovese Maria in qualità di coordinatore di iniziative di prevenzione e di contrasto del bullismo e del cyberbullismo.

 Il Progetto “Train….to be cool”, è stato elaborato dal Servizio Polizia Ferroviaria, operante nell’ambito del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, quale Organo di vertice della Polizia Ferroviaria e in partenariato con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria. Il prospetto è sostenuto anche dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, ed ha il supporto scientifico dell’Università “La Sapienza” – Facoltà di Psicologia. Esso, è principalmente indirizzato all’educazione civica sui comportamenti da tenere in ambito ferroviario e rivolto agli studenti delle scuole medie di primo e secondo grado. L’obiettivo, ha sottolineato,la dott.ssa Franca Falduto, Responsabile regionale per l’USR Calabria dell’educazione alla sicurezza stradale e ferroviaria, è quello di stimolare i ragazzi ad “allenarsi”, “formarsi” per essere “forti”, “in gamba”….appunto “TRAIN….TO BE COOL”. I giovani, non solo come utenti del mezzo ferroviario per raggiungere la scuola ma anche come fruitori delle stazioni ferroviarie come luoghi di incontro e di ritrovo nel loro tempo libero. Di fatto, come è stato ribadito, durante l'incontro dagli agenti, spesso le nostre scelte sbagliate coinvolgono, anzi, travolgono, anche gli altri. Spostarsi dai binari all'ultimo momento, fotografarsi con il treno in movimento alle proprie spalle, sdraiarsi sui binari e aspettare che il treno passi, sono solo alcuni dei gesti irresponsabili e rischiosi che adottano i giovani pensando che, una volta superate queste temibili "prove", saranno visti dai loro amici come degli eroi. E, invece, di eroico hanno ben poco. Talvolta sono proprio loro a rimanere vittime di incidenti ferroviari, in quanto spesso inconsapevoli dei pericoli presenti sullo scenario ferroviario. Con il racconto di casi reali e la proiezione di filmati si intende aumentare la consapevolezza nei ragazzi. Gli studenti frequentanti la scuola secondaria di primo grado di Platania, hanno partecipato attivamente all’incontro evidenziando, grazie alla guida attenta dei loro Docenti, una particolare attenzione alle problematiche illustrate e proponendo interessanti soluzioni.